unisa ITA  unisa ENG


Portale delle Biblioteche di Ateneo

20140114_duebiblioteche1

biblioteche di ateneo

Il Centro Bibliotecario di Ateneo è articolato in due biblioteche centrali - l'una per il polo umanistico, l'altra per quello scientifico - entrambe dislocate all'interno del campus universitario di Fisciano e dotate di collegamento wi-fi.
Il Catalogo collettivo di Ateneo, interamente informatizzato su software Aleph (vers. 20.01), consta attualmente di 415.000 record bibliografici: è consultabile via web o dalle postazioni self-service installate in sala cataloghi. Progettato in linguaggio xhtml 1.2, può essere consultato da telefoni cellulari di nuova generazione e da palmari.
EleA (Electronic Archive for Academic Studies and Researches) è l'archivio aperto dell'Università degli studi di Salerno. Nasce come deposito istituzionale delle tesi di dottorato discusse nell'Ateneo, disponibili a testo pieno sul web per la libera consultazione, in attuazione dei principi della Dichiarazione di Berlino e della Dichiarazione di Messina. Ha incluso successivamente alcune pubblicazioni scientifiche ad accesso aperto e Salernum - Biblioteca digitale salernitana, una collezione di documenti e libri di argomento o produzione prevalentemente salernitani.


Centro Bibliotecario di Ateneo - Biblioteca centrale "E. R. Caianiello"
Costruita su progetto dell'architetto Massimo Pica Ciamarra, la biblioteca centrale del polo umanistico è stata aperta al pubblico nel 1997. È intitolata al fisico napoletano Eduardo Renato Caianiello (1921-1993), che fu docente dell'Ateneo salernitano.
Raccoglie le collezioni librarie afferenti alle aree umanistica, giuridica ed economica. Dispone di oltre seicento postazioni di studio, distribuite in diciotto sale di consultazione. Queste ultime sono tutte organizzate con il sistema dello ‘scaffale aperto', che consente l'accesso diretto dell'utente al materiale librario. Mentre i fondi afferenti all'area economica sono collocati secondo la Collocazione Decimale Dewey, quelli delle aree giuridica e umanistica seguono criteri autonomi.
Il patrimonio librario ammonta all'incirca a 500.000 unità bibliografiche e oltre 4.000 testate di periodici cartacei (delle quali 1.600 correnti). La biblioteca conserva anche un consistente patrimonio librario antico (secc. XV-XIX), per lo più costituito dal Fondo Ventimiglia, di origini cilentane, e da acquisizioni dell'Università sul mercato antiquario. Di grande interesse per la storia e la cultura del territorio è anche il Fondo Cuomo, pervenuto per donazione degli eredi del politico salernitano Giovanni Cuomo, fondatore nel 1944 dell'Istituto di Magistero Pareggiato, che può considerarsi il primo nucleo dell'attuale Ateneo. Ragguardevoli sono le raccolte private o speciali pervenute per effetto di ulteriori devoluzioni.
All'interno della biblioteca "E.R. Caianiello" è attivo un Centro di Documentazione Europea (CDE), che fa parte di una vasta rete informativa, finalizzata, fra l'altro, a rendere accessibile al pubblico la documentazione sull'Unione Europea e le sue politiche.


Centro Bibliotecario di Ateneo - Biblioteca del polo scientifico
La biblioteca del polo scientifico e tecnologico è stata inaugurata venerdì 3 maggio 2013. Costruita su progetto dell'architetto Nicola Pagliara, va ad affiancare, all'interno del campus universitario di Fisciano, quella umanistica, già attiva dal 1997. La nuova struttura ha una capienza complessiva di ca. 350.000 unità bibliografiche e raccoglie fondi librari - già afferenti alle biblioteche delle Facoltà di Scienze matematiche, fisiche e naturali, Ingegneria e Farmacia - costituiti da titoli monografici e annate di periodici. L'intera dotazione libraria attualmente presente (150.000 unità bibliografiche ca.) confluisce nel catalogo unico di Ateneo, implementato su software Aleph 500 (vers. 20.01), ed è collocata secondo la Classificazione Decimale Dewey (CDD).
Le postazioni-utente previste ammontano a 540, distribuite in 7 grandi sale di consultazione. Ai fini del controllo del patrimonio librario e delle procedure di prestito, infine, la biblioteca si avvale della tecnologia RFID (Radio Frequency IDentification).